Cookie Policy Privacy Policy
top of page

Come cominciare con il collezionismo!

Aggiornamento: 27 ago 2023


Bentornati ragazzi con i Broker Brothers, in questa guida vogliamo rispondere alle domande più frequenti che ci vengono poste da chi si affaccia per la prima volta sul mercato del collezionismo a cui vogliamo dare in questo articolo risposte complete e definitive.


Per chi non ci dovesse conoscere siamo due ragazzi, Federico e Mauro, che ormai da oltre un anno parlano di mercato Pokémon e di collezionismo. Le nostre guide ormai hanno raggiunto decine di migliaia di persone, per la nostra e la vostra soddisfazione.


Per i neofiti consigliamo di integrare la lettura con:



Per fare le mosse giuste nel mercato in cui si vuole investire è molto importante avere un mindset adeguato, gli strumenti giusti e l'affiancamento da parte di chi conosce il mestiere, ossia tutto ciò che noi vogliamo mettere a disposizione di chi è motivato e ci dà fiducia, e come potete vedere dai nostri abbonati possiamo dire che questo metodo dà i suoi frutti!










Per abbonarsi: Link



Premessa

La guida è stata pensata per chi vuole affacciarsi al mondo della compravendita, ma è perfettamente adattabile al collezionista che vuole soltanto risparmiare quando acquista. L'obiettivo di questo articolo è porre le basi per farvi diventare dei veri e propri collezionisti professionisti, sia per quanto concerne il lato del risparmio che si il lato lucrativo della nostra passione.


COSA FARE PRIMA DI COMPRARE L'acquisto di un bene al fine di fare compravendita è un'attività che per andare a buon fine ha bisogno di un metodo solido e di una mentalità strutturata; non basta infatti acquistarlo ad un prezzo che ci sembra buono per far si che questo generi un reale ed effettivo guadagno.

Acquistando dobbiamo già proiettarci nel futuro in cui dovremo andare a venderlo, e per farlo abbiamo bisogno di fare alcune considerazioni. Di conseguenza, dal punto di vista di un principiante è fondamentale essere prudenti e bisogna evitare alcuni errori, che nella nostra esperienza abbiamo notato essere i medesimi tra tutti i neofiti.

-Evitate il Panic Buying! Se non si è attenti, anche quando si acquistano gradate in America sottoprezzo, facendosi prendere troppo la mano ci si può trovare nella situazione di avere tante carte da smaltire che non possono essere vendute in poco tempo, quando invece il nostro obbiettivo principale deve essere fare cassa.

Abbiamo appena menzionato una delle nostri fonti di profitto, le gradate. Per chi non ne sia a conoscenza, esistono vari enti che incapsulano le carte, le valutano con un voto da 1 a 10 in base alle condizioni e le sigillano in un contenitore di plastica per fare in modo che si conservino al fine di cristallizzarne le condizioni.

Così facendo queste carte acquistano un valore aggiunto rispetto al valore di partenza se ottengono buoni voti e quindi vengono commerciate a prezzi più alti di quelle che vengono dette 'raw', ossia 'grezze', non gradate.

Le principali case di gradazioni ad oggi sono: PSA, BGS. CGC e GRAAD


Se volete approfondire l'argomento gradazione vi lasciamo a questo articolo -link


Se invece volete gradare le vostre carte vi rimandiamo alla nostra guida per gradare con GRAAD, link Il primo consiglio per chi è agli inizi è: osservate il mercato prima di cominciare ad acquistare e LEGGETE ATTENTAMENTE LE GUIDE. Solo così potrete introdurvi correttamente in questo mondo.

Infatti, comprando senza le dovute considerazioni è molto facile scadere nel panic buying, ossia l'atto di acquistare molto in fretta, spinti dall'ansia di fare affari, quando invece questi potrebbero rivelarsi dei flop per via dell'inesperienza In questo senso è molto utile la nostra sezione Sniperaggio Furente su Discord, in cui vengono postate ogni giorno decine di inserzioni di eBay.com, che può essere sfruttata non solo per puntare le aste delle carte che consigliamo, ma anche semplicemente per osservare i prezzi e la frequenza con cui le carte più interessanti vengono vendute. Anche seguire le conversazioni nelle sezioni testuali può essere utile e portare a spunti di riflessione fondamentali


Un altro errore che in molti fanno è non considerar il fattore tempo: a prescindere dal fatto che un oggetto possa o meno generare profitto nel presente bisogna considerare anche la quanto tempo impiegheremo per venderlo, considerando che, soprattutto se si parla di carte recenti e inflazionate, queste possono mutare il loro valore anche in negativo nell'arco dei mesi.


-Come fare le ricerche su eBay ?


Innanzitutto, una delle abilità più importanti per chi come noi vuole fare soldo o comunque vuole risparmiare acquistando su eBay, è la conoscenza dei vari strumenti di ricerca e soprattutto la capacità di usarli in maniera efficace. Ma partiamo dalle basi. Le informazioni fondamentali con cui noi andiamo a cercare una specifica carta Pokemon sono: Il nome del Pokémon, il numero di serie, l'espansione, l'edizione (Unlimited o 1a edizione se presente) e l'eventuale voto se gradata. Se volessimo cercare un Charizard base set gradato 9 quindi scriveremmo nella barra della ricerca di eBay: Charizard 4 base PSA 9.



ATTENZIONE ALLE RISTAMPE!


Soprattutto agli inizi può capitare di confondere una carta con altre ristampe o versioni che possono avere prezzi anche molto differenti, ad esempio in questa ricerca troviamo all'inizio ciò che abbiamo cercato nello specifico, mentre il secondo risultato è una ristampa in occasione del 25esimo anniversario. Fortunatamente nel GCC Pokémon il fenomeno della ristampa è molto limitato, ma se volessimo prendere le Yu-Gi-Oh! ci perderemmo dietro la marea di ristampe delle carte più importanti!



Ma quindi il tipo di ricerca che abbiamo visto ci garantisce che troveremo gli affari migliori, e soprattutto che riusciremo a diversificare i nostri acquisti? Non è detto!

Questo perché con una ricerca in cui specifichiamo così tanti dettagli andremo a scremare troppo i risultati e potremmo lasciare indietro qualche occasione interessante.


Infatti capita che alcuni venditori sbaglino, per caso o per ingenuità, e nel titolo non mettano delle specifiche importanti o le scrivano errate. Se ciò succede su una carta in asta molto probabilmente questa finirà sottoprezzo, perché non godrà di una buona visibilità tra i potenziali acquirenti e quindi la concorrenza in asta sarà meno pesante.


Però per trovare affari del genere la ricerca dovrà essere di gran lunga più generica!


L'esempio più estremo (ma efficace) è attuare una ricerca come: 'Charizard BGS'. In questo modo avremo un fiume di inserzioni in cui andare a pescare quelli che potrebbero essere gli affari più interessanti, e inoltre troveremo moltissime carte che ci aiuteranno a diversificare i nostri investimenti.


- Un'altra possibilità è cercare un set nello specifico;


Esempio: Team Rocket PSA. In questo modo avremo una ricerca che copre veramente tanto materiale, visto che andremo a cercare le carte delle espansioni Team Rocket Wotc, Team Rocket Jap e Team Rocket Returns. Questo metodo è consigliabile soprattutto sulle vintage che sono più rare, di conseguenza conviene seguirne in gran numero per fare affari, ma può essere utilizzato per qualsiasi set.


Dare priorità al vintage può dare grandi soddisfazioni, come vedete da questo bel Machamp Set base, Il vintage può dare grandi soddisfazioni sia per quanto concerne la compravendita e sia per quanto concerne la gradazione ma di quest’ultima parleremo dopo.


Abbiamo parlato del metodo, ma per aiutarvi non possiamo non menzionare degli strumenti molto utili, ossia App per affiancare la ricerca su eBay che danno un contributo fondamentale in termini di risparmio di tempo per questo lavoro.

Si tratta di applicazioni su cui impostiamo varie ricerche e che ci mostrano costantemente i nuovi oggetti messi in vendita che sono compatibili con ciò che cerchiamo. Ne abbiamo già parlato nella Guida dedicata su Baywatch, app che però è purtroppo compatibile unicamente con prodotti Apple. Su Android ne esistono di simili, ad esempio SeeSpotBid, che vi consigliamo di usare per avere sempre sotto controllo le vostre principali ricerche di riferimento



- Come puntare le aste? Una volta tastato il terreno, per muovere i primi passi nell'acquisto potrete puntare delle aste, preferibilmente usando lo sniper (guida) Ma come si imposta il prezzo massimo per poter dire, in caso di vincita, che abbiamo fatto un affare? Come già trattato nell'Articolo premium dedicato, il metodo più completo per capire se un affare è conveniente quando vogliamo importare delle gradate è il confronto con i venduti dello stesso tipo su eBay.com e su eBay.it, il primo riferito al mercato americano in cui vogliamo acquistare, l'altro riferito al mercato europeo nel quale venderemo, senza dimenticarci del fattore rilevanza approfondito sopra. Per fare ciò dobbiamo cercare l'oggetto specifico, con l'ente di gradazione e il voto corrispondenti a quello che vogliamo acquistare.

Ad esempio: Charizard SWSH050 PSA 9 Così, semplicemente cercando ci si aprirà una panoramica degli oggetti in vendita. Questo però ci interessa relativamente, quindi andiamo sul Filtro (da mobile) o su Avanzate (da pc) in alto a destra e poi andiamo sulla sezione oggetti venduti/sold items.







Spuntando questa casella eBay ci mostrerà le vendite dell'oggetto negli ultimi 90 giorni. Possiamo così capire, per le carte più commerciate, sia qual è il giusto prezzo di acquisto che il loro possibile prezzo di rivendita, e farci un'idea del potenziale guadagno nel presente. Vi consigliamo di utilizzare come riferimento i venduti più recenti, al massimo delle ultime settimane.


Orientativamente dobbiamo cercare almeno un 40/50% di guadagno, quindi il prezzo di acquisto deve essere come minimo 2/3 del prezzo medio europeo o meno, soprattutto sulle carte costose. Per le low cost dobbiamo essere più esigenti e cercarle almeno a metà del prezzo, considerando che su queste incidono di più i costi fissi di spedizione


- E se non trovo venduti su eBay rispetto a ciò che sto cercando? eBay è uno strumento potentissimo per monitorare il mercato del collezionismo, ma non mostrandoci altro che gli oggetti venduti negli ultimi 3 mesi ci limita molto, perché non possiamo né fare una stima a lungo termine dell'andamento di prezzo di un oggetto, né trovarlo nel caso in cui, per rarità o scarsità di vendite, non sia stato commerciato in quel lasso di tempo. Abbiamo bisogno quindi di affiancare altri strumenti, ed esistono siti che fanno da vere e proprie banche dati per il mercato del collezionismo o delle Pokémon in particolare. Possiamo citare pricecharting.com, pokedata.io, pokemonprice.com.


Questi siti possono aiutare molto nel caso in cui vogliamo acquistare ad esempio delle carte rare e capire quanto pagarle, oppure se vogliamo osservare i loro movimenti di mercato e trarne dei ragionamenti sul loro potenziale futuro, perché ci mostrano vendite su periodi molto più estesi


Hanno solo un difetto, si riferiscono esclusivamente al mercato americano, quindi non possiamo avere dati che ci aiuterebbero nello stabilire un prezzo di vendita. In casi del genere è consigliabile, in mancanza di altre informazioni, di mettere un prezzo più alto della media dei venduti americani con proposta d'acquisto, per tastare il terreno appena arriveranno offerte da acquirenti interessati

- Come abbattere i costi di spedizione? Oltre a questo è molto importante tenere presente, soprattutto quando si parla di carte low cost, i costi di spedizione e abbatterli al minimo


Come? Innanzitutto consideriamo che nell'importazione abbiamo due spese: dal venditore alla casella e dalla casella al nostro domicilio. Il metodo per utilizzare la casella è già spiegato nella Guida sull'importazione dagli USA a cui vogliamo aggiungere solo un consiglio: quando si tratta di low cost, prendetele in lotto o acquistate più carte dallo stesso venditore! Così risparmierete sia sulla prima spedizione, per cui dovrete richiedere la spedizione combinata in modo da pagare un'unica somma per tutte le carte, sia sulla seconda, abbattendo i costi del consolidamento e di gestione dei pacchi della casella, che sono fissi sui 5,50$ a pacco Prendiamo ad esempio il Charizard Swsh050 PSA 9. Carta che negli Usa finisce in asta anche a 15$, su eBay.it viene venduta massimo sui 35/40€. È chiaro che in questo caso se spedirlo dagli USA costasse 15€ o più il nostro acquisto non potrebbe generare un profitto interessante ad oggi, e, parlando di una carta di cui esistono decine di migliaia di esemplari, attendere una rivalutazione vorrebbe dire aspettare davvero molto tempo.


È quindi essenziale per carte del genere l'acquisto in lotto (da 3 carte in su) o quantomeno la spedizione gratuita, in questo modo avremo la possibilità di venderle subito generando un profitto sensato


- Da dove comprare le carte? Nella ricerca su eBay.com vi capiterà di trovare carte listate in monete diverse dal dollaro statunitense (USD). In particolare le principali eccezioni sono le carte provenienti da Canada (CAD) Australia (AUD) e Inghilterra (£). Noi vi consigliamo, in fase di importazione, di acquistare unicamente dagli Stati Uniti e dal Canada. Questo perché le spedizioni e relative dogane dall'Inghilterra o dall'Australia farebbero schizzare il costo dei vostri acquisti rendendole difficili da vendere. Ma attenzione; anche quando gli oggetti vengono listati in USD potrebbero provenire da paesi differenti, per cui dovreste pagare una doppia dogana, quindi il nostro consiglio è di controllare la provenienza del venditore, che su eBay è sempre specificata.

Aggiungiamo che in Canada si tende a fare buoni affari anche per via del cambio tra le monete € e dollaro canadese, considerate che nel momento in cui scriviamo 100 Dollari Canadesi equivalgono a soli 70€! Chiaramente dovrete mettere in conto una spedizione leggermente più salata quindi anche qui può convenire prendere dei lotti

- Dove si fanno gli affari migliori? Parliamo molto delle aste e degli colpi che si possono fare sniperando su eBay.com, ma è questo il solo modo per arrivare agli affari migliori? Non solo!


Infatti, per quanto nella maggioranza dei casi i prezzi al compralo subito si rivelino molto più alti dei prezzi all'asta, il magico pulsante della proposta d'acquisto (Best Offer su eBay.com) cambia del tutto le carte in tavola:


Così, quando ci troviamo davanti al venditore giusto, con un po' di tenacia e spirito di contrattazione potremmo riuscire a fare affari epici, soprattutto se ci dimostriamo interessati ad acquistare più oggetti.

Un'altra possibilità di fare affari sottoprezzo è puntando le aste in lotto, spesso infatti troviamo venditori che per smaltire velocemente le loro carte ne mettono più di una in asta, spesso doppioni, che finiranno nella maggior parte dei casi a prezzi molto più bassi del normale come possiamo vedere in questo esempio;


- qui la vendita in lotto da 3;



- e di seguito una vendita singola allo stesso identico prezzo!





Questo perché, se è più difficile che un collezionista voglia più di una copia di una certa carta, per noi che vogliamo lucrare questo tipo di aste rappresentano spesso delle occasioni ghiottissime!

Aggiungiamo, per chi acquistasse grandi volumi di merce su eBay, che è disponibile una funzionalità molto interessante per avere sconti sugli acquisti; si tratta di eBay Extra, volendo riassumere se lo attivate sul vostro account per gli acquisti riceverete un buono da 1€ per ogni 100 spesi. Questi buoni sono cumulativi ma scadono se non facciamo acquisti per più di 60 giorni.


Ma anche fuori eBay possiamo trovare delle vere occasioni! In particolare su Vinted o su social come Instagram e Facebook ci sono maree di venditori che, non avendo l'onere delle tasse sulla vendita di eBay, potrebbero proporvi dei prezzi interessanti su cui contrattare. Chiaramente se si tratta dei social dobbiamo stare molto attenti ad eventuali scammer! Inoltre vi lasciamo una considerazione sul metodo: per trovare gli affari migliori è necessario seguire TANTE carte. Questo perché dobbiamo essere sempre estremamente esigenti sul prezzo di acquisto, ma l'affare su una carta in particolare capita una volta ogni tanto, quindi diventa essenziale non fossilizzarsi su poche carte e ampliare le ricerche il più possibile


- Le gradazioni



Un altro importante tassello da conoscere per il collezionista è la gradazione, ovvero il processo con cui una carta viene incapsulata in una determinata scatola di plastica di modo di cristallizzarne le condizioni, altresì le case di gradazione, in base alle condizioni della stessa carta, attribuiscono un voto ad essa che va da 1 fino ad un massimo di 10.


Il procedimento di gradazione in ambito collezionistico è molto apprezzato e soprattutto utile, una carta gradata mediamente avrà sempre un valore più alto della sua controparte raw, ovvero non gradata, inoltre le condizioni saranno cristalizzate di modo di andare a prevenire eventuale usura futura.


Le principali case di gradazione sono le seguenti: Psa, Graad, bgs e Cgc, per una più ampia trattazione vi invitiamo a leggere questo articolo.


In questa sede ci limiteremo ad indicare che tramite la gradazione è possibile incrementare la valutazione economica delle nostre carte, conseguentemente sfruttandola si potranno realizzare plusvalenze degne di nota.


Ad esempio andiamo a dare un’occhiata a queste ottime vendite di carte gradate con GRAAD sul noto sito Vinted.




per le vostre gradazioni con graad vi ricordiamo il nostro codie sconto GLURAK per avere uno sconto a partire dal 15%.

Sfruttare i meccanismi di importazione di cui abbiamo parlato sopra consente di realizzare importanti operazioni anche importando decine di carte raw per poi andarle a gradare in modo celere e sicuro con Graad, in modo di fare compravendita rapidamente. In questo caso vi consigliamo di dare sempre un’occhiata a cardmarket, con le gradazioni possono realizzarsi importanti rivalutazioni, non sottovalutatele. Un esempio? Quel Mago nero Unlimited miy è stato acquistato su cardmarket per circa € 7 spedito.



Per imparare a gradare le vostre carte vi rimandiamo alla nostra guida su come gradare con Graad

- Come capire se una carta è rara? Come in tutti i mercati, anche in quello delle carte Pokemon la rarità di un oggetto può influenzare anche pesantemente il suo prezzo. Così le carte più comuni tendono ad essere molto economiche anche se gradate mentre le più rare e interessanti hanno prezzi molto alti anche non gradate.


Esistono delle eccezioni, in particolare quando una carta relativamente comune ha molto hype che la spinge in alto (l'esempio più lampante ad oggi è l'Umbreon Vmax alternative di Evoluzioni Eteree) o, al contrario, quando carte sia pur rare sono meno conosciute o interessanti. A volte quest'ultima possibilità può creare degli ottimi investimenti a lungo termine se le carte in questione hanno potenziale ( è il caso ad esempio delle Reverse Holo Stamped del periodo EX).


Ma come capiamo effettivamente la rarità di una carta? Il metodo più veloce, che si riferisce solo alle gradate ma può darci un'idea abbastanza netta nella maggior parte dei casi, è controllare la 'PSA POP', ossia il numero di esemplari gradati per carta sul sito ufficiale di PSA alla sezione Pop Report


Naturalmente in questo caso utilizzeremo PSA perchè a livello internazionale ad oggi è la casa di gradazione più utilizzata, ma nulla toglie


Per farlo ci basterà scrivere nella barra di ricerca il nome della carta che ci interessa con il set o il numero di riferimento, e cliccare sul set risultante che contiene quella carta. Potremo poi cercarla ancora nello specifico all'interno di quel set. In genere notiamo che una carta potrebbe essere rara se dopo una ricerca su eBay ne vediamo pochi esemplari commerciati



Ci sono anche casi in cui però potremmo essere tratti in inganno, nello specifico quando una carta non è effettivamente interessante e quindi non viene sottoposta quasi mai a gradazione. Nel 90% dei casi si tratta di carte non-holo, di cui viene specificato il numero ridicolo di esemplari esistenti nelle inserzioni solo per renderle più appetibili agli occhi di un compratore inesperto





- Dove vendere i miei oggetti?


Per quanto riguarda la gran parte degli oggetti di collezionismo, inclusi i prodotti del GCC Pokémon, la principale piattaforma per la compravendita è eBay. Dal punto di vista della tutela del venditore è sicuramente tra le migliori, perché si rivolge a venditori professionali, a differenza ad esempio di canali come Vinted che per ora si rivolgono ufficialmente solo agli 'occasionali'.


Ciò non toglie che anche Vinted sia uno strumento utilissimo da affiancare a eBay per un discorso di visibilità. Potrete mettere le stesse carte che vendete su eBay anche su Vinted (ovviamente senza pubblicizzare su uno ciò che mettiamo sull'altro), e in generale noi preferiamo vendere carte low cost su vinted, piazzando su eBay le più costose.




Come vedete su Vinted si riescono a piazzare ottime vendite, e vendono benissimo tutte le case di gradazione ad eccezione di CGC, abbiamo notato che quest’ultima in Italia non è apprezzatissima e rispetto alle controparti (Graad, Psa, bgs) pecca nelle visualizzazioni. Qualora dobbiate vendere carte gradate con CGC vi consigliamo di affidarvi ad eBay, cercando di imparare a vendere a livello internazionale.


Tenete sempre presente quando vendete su eBay che su ogni vendita dovrete corrispondere alla piattaforma una percentuale del 5% sul prezzo finale, cosa che su Vinted NON verrà richiesta


Un'altra piattaforma molto nota è Cardmarket, che si rivolge più verso il mercato delle carte 'raw' ma ciò non toglie che si possano fare ottime vendite anche con gradate. Come su eBay è molto importante fare feedback, e in questo caso è anche più facile vendendo principalmente carte molto economiche.

Altri canali, più 'alla mano', possono essere rappresentati dai vari social: su Instagram, gruppi Facebook, canali Telegram ci si può accordare tra privati, soprattutto nei casi in cui preferiamo lo scambio a mano ad altri metodi di vendita. Il difetto di questi mezzi è rappresentato dalla scarsa professionalità; potrebbero arrivarvi offerte più basse anche in base alla modalità di vendita che state scegliendo, ma d'altra parte a volte vengono proposti scambi interessanti


- Come fissare il prezzo?


Come abbiamo detto, per capire la fascia di prezzo a cui vendere un oggetto dobbiamo affidarci al filtro di eBay.it che ci mostra gli ultimi venduti in Europa nell'arco di 90 giorni.


Questo ci dice quanto possiamo spingerci, e si può integrare controllando gli oggetti ancora in vendita per capire quanta concorrenza abbiamo.


In caso di assenza di venduti avremmo unicamente i dati sulla concorrenza (se ce n'è), e cercheremo di calcolare un prezzo realistico prendendo la media dei venduti americani e aggiungendoci una cifra che può rappresentare il costo di spedizione e dogana dagli US, sempre rimanendo su un prezzo competitivo e cercando un guadagno del 40/50% in media.


Aggiungiamo che a volte non trovare dati di rivendita certi sul nostro mercato può portare ad abbandonare degli investimenti anche promettenti


Infatti è una situazione abbastanza comune quando si parla di vintage, anche con buona rivendibilità, quindi se state puntando una carta con basi solide, nel senso che raffigura un Pokémon interessante o è di una certa rarità, potete andare tranquilli prendendola sotto il prezzo di mercato.


Soprattutto in questi casi è molto utile attivare la proposta d'acquisto così da avere un feedback dagli utenti interessati grazie alle offerte che ci invieranno. Per quanto riguarda le spese di spedizione cercate di considerarle già all'interno del prezzo che farete così da poter offrire la spedizione gratuita, in particolare su carte di valore sulle quali i costi del corriere incidono meno.


Considerate che per diminuire i tempi di vendita è molto importante avere un account con una buona rilevanza (come spiegato nell'articolo: LINK) e soprattutto riuscire ad offrire un prezzo competitivo rispetto ai concorrenti, per questo su carte recenti dovremmo essere estremamente esigenti sul prezzo di acquisto e nell'ammortizzare le spese di spedizione



- Come calcolo le spese di spedizione?


Premettendo che vi sconsigliamo di affidarvi ai servizi delle poste, se non per carte molto economiche, e su eBay vi consigliamo caldamente di utilizzare il suo gestore delle spedizioni e di attivare la scontistica (su Impostazioni - sconti per volume), consideriamo che le spese medie di spedizione nazionale ammontano a circa 6/7€ per una gradata e i per prodotti più voluminosi come box, etb e simili, mentre per spedizioni internazionali entro i confini dell'Unione Europea si arriva oltre i 10 per una gradata e 14/15 per prodotti sealed.


Inoltre se avete intenzione di vendere su Regno Unito e America vi consigliamo di creare una tabella delle tariffe (preferibilmente da pc) a parte in cui farete pagare sui 30€ di spese di spedizione. Volendo anche includere l'Australia dovremo creare un'ulteriore tariffa, vi consigliamo di stare alti, sui 50€ di spedizione.



- Vendere in asta o al compralo subito?


Un'altra domanda frequente è se su eBay sia più conveniente vendere al compralo subito o all'asta. La nostra risposta è che innanzitutto dipende da cosa stiamo vendendo


La problematica principale dell'asta, è il fattore aleatorio, è molto soggetta al momento e ai potenziali acquirenti che raggiungono l'inserzione, quindi non sappiamo se ciò che stiamo vendendo raggiungerà il prezzo che desideriamo. Ma in ogni caso saremo sicuri che il prezzo finale sarà più basso di quello degli stessi oggetti in vendita al compralo subito salvo rare eccezioni. Quindi possiamo dettare un principio generale, le aste mediamente finiscono sempre a prezzi inferiori rispetto le medesime inserzioni al compralo subito


Le uniche possibilità in cui ci conviene di gran lunga usare l'asta si verificano quando ciò che stiamo vendendo ha dietro molto hype, di conseguenza avremo molta concorrenza tra gli interessati e il prezzo che ne risulterà sarà soddisfacente se abbiamo comprato bene e soprattutto potremo godere del grande vantaggio dell'asta ossia la vendita istantanea.


In casi in cui si punti a vendere a un determinato prezzo è sempre preferibile il compralo subito, in particolare quando stiamo vendendo qualcosa di non comune e non molto commerciato, per cui acquirenti poco esperti potrebbero avere difficoltà a puntare a un'asta per via di scarsità di info sui venduti eBay, ma può valere anche per carte troppo comuni che quindi all'asta possono finire a un prezzo basso venendo così svendute.


NOTA BENE: per le aste, se avete tante carte dello stesso tipo, non mettetene più di una singola copia nell'inserzione e cercate di evitare di mettere due carte uguali che scadono lo stesso giorno


Se il prezzo medio a cui una carta viene venduta all'asta vi sembra soddisfacente rispetto a quanto l'avete pagata è sempre preferibile astare perché fa risparmiare tempo ed è un ottimo modo per fare feedback

Dovete solo stare attenti e prendere alcuni accorgimenti quando controllate i prezzi dei venduti per fare questa valutazione: innanzitutto cercate di non prendere a modello una sola asta, almeno 2/3 dovrebbero darvi un'idea indicativa, e soprattutto fate caso a quante offerte sono state fatte.


Questo perché molte volte vediamo aste che finiscono a prezzi più alti ma hanno una sola offerta; in quel caso il venditore ha impostato un prezzo di partenza alto e l'asta è finita con un'unica offerta che ha confermato quel prezzo.


Spesso controllando meglio scopriamo che questi oggetti sono poi stati rimessi in vendita (il che sta a significare che l'acquirente non ha pagato) e per certi venditori è una tattica per cercare di influenzare il mercato, non molto efficace a nostro avviso ma che può confondere le idee se stiamo cercando informazioni per vendere.


Ora nelle sezione premium vi sono veri e propri trattati su come fare un'asta perfetta, in questa sede vogliamo darvi un consiglio gratuito fondamentale, le aste a partire da cifre superiori ad 0,01 € non esistono, non dovete mai impostare un prezzo più alto di un centesimo. Ebay sfavorisce, in termini di rilevanza, le inserzioni create contro questo dogma.


Anche le vendite al compralo subito a volte possono creare confusione; infatti, quando un oggetto è stato venduto tramite proposta d'acquisto noi vediamo il prezzo stabilito dal venditore ma sbarrato; ciò vuol dire che il prezzo di vendita è inferiore a quello fissato inizialmente, e non possiamo capire direttamente da eBay quale sia il prezzo finale di vendita.




Esistono siti come WatchCount su cui si possono cercare informazioni relative al prezzo di vendita con proposta ma purtroppo funzionano ancora una volta unicamente sulle inserzioni di eBay.com. Sostanzialmente questi strumenti aiutano ma per essere usati alla perfezione in Europa devono essere accompagnati da un po' di esperienza che maturerete con il tempo.


- Quanto tempo impiego a vendere una carta?


Partiamo da un presupposto di norma vendere i prodotti sealed è più facile rispetto a vendere le carte gradate e le raw. Naturalmente stiamo parlando di pura rivendibilità senza contare il fattore guadagno effettivo.


Se per i prodotti sealed interessanti abbiamo il vantaggio di una rivendita molto rapida, sulle carte singole gradate il discorso diventa molto più complesso e dipende tutto da ciò che stiamo vendendo e dal momento in cui lo stiamo vendendo


Se ad esempio vendiamo una carta di cui ci sono altri 20 esemplari in vendita a prezzi simili su eBay le nostre speranze di venderla in tempi brevi sono minime, e potremmo dover aspettare anche mesi a venderle se il prezzo a cui l'abbiamo presa non ci consente di ripiegare sull'asta.


Al contrario, se la nostra carta è molto interessante, appartiene a un set in hype e possiamo piazzarla a un prezzo competitivo è possibile anche fare vendite molto rapide, come in questo caso;





Le condizioni in questo caso erano le seguenti;

- Carta molto interessante e in rapido aumento di prezzo

- Periodo di hype per le alternative art

- Pochi esemplari in vendita su ebay.it



Stesso ragionamento può essere fatto su una carta gradata da noi gradata e poi venduta, Cercate di gradare e vendere carte rilevanti che possano suscitare interesse al possibile acquirente.




Ovviamente mettere insieme tutte queste condizioni non è semplice, quindi, soprattutto parlando di carte costose dai 100€ in su aspettatevi tempi più o meno lunghi per venderle bene. Anche perché è molto più rischioso metterle all'asta visto che potrebbero oscillare parecchio di prezzo rispetto ad altre meno costose.


In ogni caso la vostra guida, quando possibile, deve sempre essere data dagli ultimi esemplari venduti. Alla luce di questo aggiungiamo che potrebbe non essere sempre una buona mossa comprare troppi esemplari della stessa carta (a meno che non si trovi uno sconto particolarmente vantaggioso da un unico venditore), soprattutto se parliamo di carte recenti in quanto sono molto soggette ad oscillazioni di prezzo, anche in negativo!


Quindi se per esempio dovessimo metterci più di sei mesi a vendere 10 copie di una carta il suo prezzo potrebbe essere cambiato in quel lasso di tempo e potremmo essere costretti a holdare per non andare in pari o rimetterci, attendendo un rivalutazione.


- Come mi comporto con i case graffiati o danneggiati?


In genere a nessuno piace che il case di una gradata presenti dei difetti, ed è più difficile venderle a un buon prezzo se questo è rigato o danneggiato in quanto l'acquirente parte dal presupposto che dovrà mandare a rigradare la carta e quindi spendere ulteriori soldi per un nuovo case.


Nei casi peggiori, un acquirente molto esigente potrebbe minacciare di lasciare un feedback negativo se nella descrizione non avete specificato certi difetti, che possono essere anche piccoli segni visibili controluce che magari non danno nell'occhio se visti in foto.

Per fortuna in questi casi c'è un rimedio che non tutti conoscono, ma che nella maggior parte dei casi è un vero e proprio salvavita.

Potete infatti usare una qualunque crema abrasiva per eliminare la maggior parte dei graffi e (con una buona dose di olio di gomito) anche solchi profondi. L'importante è che la plastica del case non sia divisa a metà ma solo rigata.


In particolare noi abbiamo provato un prodotto molto potente, Meguiar's Scratch X, lo trovate su Amazon. Per fare un esempio l'abbiamo provato su questo blastoise base set jap, che abbiamo acquistato a un prezzo totalmente ridicolo proprio perché il case si trovava in condizioni pietose


Osservando attentamente si notano in basso varie abrasioni e righe, non contando le condizioni del retro già questo basta a far storcere il naso a un qualsiasi acquirente.


Ora la stessa carta dopo il trattamento;



Come possiamo vedere il risultato è strabiliante e il restauro ci permette di vendere la carta senza problemi




- Come imballare ciò che vendo?


Per quanto riguarda l'imballaggio per le spedizioni, per far sì che ciò che vendiamo non subisca danni dobbiamo proteggerlo adeguatamente.

Per carte gradate e non utilizziamo in genere buste imbottite di pluriball, nel caso in cui stiamo vendendo qualcosa di particolare valore possiamo valutare anche piccole scatoline di cartone.


Nel caso di non gradate andremo ad inserirle prima nella sleeve e poi nel toploader, applicando poi sulle superfici dei rettangoli di cartone fissati con lo scotch. Per le gradate basta il cartone, stando attenti che lo scotch non si applichi anche al case per non sporcarlo. Volendo possiamo aggiungere un ulteriore strato di pluriball intorno. Per prodotti sealed possiamo usare semplicemente degli strati di pluriball per proteggere il prodotto nel pacco.



Concludendo possiamo aggiungere che nel malaugurato caso in cui un acquirente sia particolarmente maleducato, pressante o pensate che possa unicamente farvi perdere tempo, è possibile bloccare un utente su eBay. Noi vi consigliamo in ogni caso di farlo meno possibile e di cercare di risolvere le controversie che possono capitare con educazione e razionalità


FINE Abbiamo notato che molti di voi, sono novizi in ambito di compravendita e di mercato Pokémon, quindi ci teniamo particolarmente a ricordarvi che le guide scritte dai BrokerBrothers sono totalmente gratuite.

















Ci riserviamo il diritto di inserire link pubblicitari e di affiliazione nel nostro blog.

bottom of page